Misure da adottare a casa

30 marzo 2020
Scopo del documento
Questo documento fornisce una guida sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC) per le persone con sospetto o malattia coronavirus confermata (COVID-19) che presentino sintomi lievi e tali da non richiedere ricovero in ospedale, quindi in autoisolamento domiciliare.

Destinatari
Residenti in generale negli Stati membri UE / SEE e nel Regno Unito.

Background
Al 30 marzo 2020, oltre 700.000 casi di COVID-19 sono stati segnalati in tutto il mondo da oltre 150 Paesi. Il numero di casi COVID-19 segnalati è in rapido aumento in tutti i Paesi UE/SEE e nel Regno Unito, rappresentando una percentuale crescente dei casi mondiali.
La presentazione clinica tra i casi riportati di COVID-19 varia in base alla gravità dall’infezione asintomatica, alla subclinica/malattia lieve fino alla malattia grave o fatale; il deterioramento clinico può verificarsi rapidamente, spesso durante la seconda settimana di malattia [1].
Ulteriori informazioni di base sulla malattia sono disponibili online: ECDC’s Rapid Risk Assessment [1], ECDC [2], WHO [3].

Auto-isolamento
Pazienti COVID-19 sospetti o confermati che presentano una sintomatologia clinica lieve (principalmente febbre, tosse, mal di testa e malessere) non richiedono ricovero in ospedale e possono essere gestiti in sicurezza a casa. La maggior parte di questi casi si riprenderanno spontaneamente senza complicazioni.
Poiché i segni e i sintomi clinici possono peggiorare con dispnea progressiva a causa di patologie del tratto respiratorio inferiore, soprattutto nella seconda settimana di malattia, i pazienti trattati a casa devono ricevere istruzioni per il caso di insorgenza di difficoltà respiratorie.
L’autoisolamento e l’assistenza domiciliare potrebbero anche essere presi in considerazione per i pazienti sintomatici che non necessitano più di ricovero, o in caso di rifiuto informato del ricovero [1].

Prevenzione e controllo delle infezioni per casi COVID-19 sospetti o confermati in isolamento domiciliare
Misure generali di prevenzione e controllo delle infezioni nel domicilio

  • Limitare il numero di persone che si prendono cura del paziente sospetto o confermato COVID-19. È meglio quello che una sola persona sia addetta a tale attività (custode). Questa persona dovrebbe essere sana e senza condizioni sottostanti, ad esempio come ipertensione, diabete, problemi polmonari o cardiaci. Persone di famiglia ad alto rischio (ad esempio anziani, persone immunocompromesse o persone con condizioni sottostanti) dovrebbero evitare ogni contatto con il paziente e con oggetti con cui il paziente è entrato in contatto. L’accesso alle aree condivise dovrebbe essere limitato il più possibile e deve essere eseguita una rigorosa igiene delle mani.
  • Collocare il paziente in una stanza singola ben ventilata (ad es. aprire regolarmente la finestra).
  • Il paziente dovrebbe usare un bagno separata, se possibile, dal resto della famiglia.
  • Evitare di condividere oggetti con il paziente (ad esempio utensili da cucina, asciugamani, ecc.).
  • Tutte le aree condivise dovrebbero essere ben ventilate; le superfici spesso toccate (ad es. maniglie delle porte, interruttori della luce) dovrebbero essere frequentemente puliti con detergenti neutri.
  • Eseguire frequentemente l’igiene delle mani, soprattutto dopo il contatto con il paziente o con qualsiasi superficie frequentemente toccata dal paziente, soprattutto prima e dopo aver preparato il cibo, prima di mangiare, dopo aver usato il bagno.
  • WC, lavandino del bagno, ecc. devono essere puliti quotidianamente, evitando schizzi. Le superfici e gli oggetti dovrebbero essere disinfettati con candeggina normale, in una diluizione corrispondente all’ipoclorito di sodio allo 0,05-0,1% (20 ml di candeggina per uso domestico devono essere diluiti in 1 litro di acqua). Questa soluzione deve essere utilizzata immediatamente e preparata appositamente ogni volta che è necessario.
  • Pulire regolarmente la stanza del paziente (ad es. Giornalmente); utilizzare attrezzature per la pulizia usa e getta (ad es. salviette usa e getta). Se le attrezzature per la pulizia usa e getta non sono disponibili, il materiale per la pulizia (panno, spugna ecc.) deve essere posizionato in una soluzione disinfettante con ipoclorito di sodio allo 0,05% –0,1%, preparata come sopra descritto.
  • Il responsabile della pulizia deve indossare guanti monouso e una maschera chirurgica. I pazienti pauci-sintomatici possono pulire la loro stanza da soli.
  • Lenzuola, asciugamani, indumenti da notte e altri tessuti utilizzati dal paziente devono essere conservati in un contenitore dedicato nella stanza del paziente fino a quando non viene lavata con un normale detergente per bucato a 90 ° C (ciclo dell’acqua calda). Se un oggetto non può essere lavato in acqua calda, dovrebbero comunque essere usati per la decontaminazione dei tessuti candeggina o altri prodotti per il bucato.
  • Il paziente deve avere un sacco per i rifiuti nella sua stanza per tessuti usati, maschere per il viso e altri rifiuti; il sacco dovrebbe essere smaltito nella spazzatura indifferenziata.
  • Nessun visitatore deve essere ammesso a casa fino a quando il paziente non si è completamente guarito.
  • Se una famiglia ha più di un paziente COVID-19 sospetto o confermato, tutti i pazienti possono essere isolati nella stessa stanza.
  • Prevenzione delle infezioni e misure di controllo applicate dal paziente per prevenire la trasmissione di infezione (in famiglia)
  • Evitare il contatto fisico (ad es. abbracci, stretta di mano, ecc.) con i membri della famiglia.
  • Evitare il più possibile gli spazi condivisi e rimanere in una stanza singola e ben ventilata.
  • Indossare una mascherina che copra il naso e la bocca il più possibile, specialmente quando ci si trova in aree condivise. Cambiare la mascherina frequentemente; cambiare sempre la mascherina quando diventa sporca o bagnata.
  • Rimuovere la mascherina toccando solo le fasce elastiche o le corde; non toccare mai fronte e parti interne. Lavare/sanificare le mani immediatamente (e accuratamente) dopo la rimozione della mascherina.
  • In assenza di mascherina, coprire naso e bocca con fazzoletto di carta quando si starnutisce o tossisce. Tenere pertanto pronto per l’uso un adeguato numero di fazzoletti. Smaltire i fazzoletti di carta immediatamente dopo l’uso e lavare/sanificare le mani immediatamente usando la procedura corretta.
  • Pulire frequentemente le mani con una soluzione a base di alcool o lavarle con acqua e sapone e asciugarle con asciugamani usa e getta. Se non sono disponibili asciugamani monouso, utilizzare e conservare asciugamani dedicati separatamente dagli asciugamani usati dal resto della famiglia; cambiare e lavare regolarmente gli asciugamani secondo le istruzioni sopra riportate.
  • Usare posate e utensili da cucina dedicati, da pulire accuratamente dopo ogni utilizzo.

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni applicate dal custode del paziente per prevenire la trasmissione dell’infezione (in famiglia)

  • Evitare il più possibile contatti stretti con il paziente e mantenere una distanza di almeno 1 metro.
  • Lavarsi le mani frequentemente, soprattutto dopo il contatto con il paziente e con qualsiasi oggetto che è stato in contatto con il paziente (ad es. utensili da cucina, biancheria da letto, bagno, ecc.). L’acqua e il sapone sono efficaci per il lavaggio delle mani, ma può anche essere utilizzata anche una soluzione a base di alcol.
  • Usare asciugamani usa e getta per asciugare le mani quando disponibili. Se non disponibili, cambiare gli asciugamani frequentemente e lavarli con un normale detersivo per bucato in un ciclo di acqua calda (90 ° C). Se un oggetto non può essere lavato in acqua calda, usare per la decontaminazione dei tessuti candeggina o altri prodotti per il bucato.
  • Indossare una mascherina facciale nella stessa stanza con il paziente, o in generale a stretto contatto con il paziente. La mascherina deve essere cambiata ogni volta che viene indossata; se ciò non è possibile, sostituirla quando diventa sporca o bagnata.
  • Rimuovere la mascherina toccando solo le fasce elastiche o le corde; non toccare mai fronte e parti interne. Lavare/sanificare le mani immediatamente (e accuratamente) dopo la rimozione della mascherina.
  • Indossare guanti quando si presta assistenza al paziente o quando si viene a contatto con fluidi corporei (ad es. muco, feci, urine, ecc.). Cambiare i guanti ogni volta che vengono indossati o quando diventano sporchi o se la loro integrità è compromessa. Lavare/sanificare le mani immediatamente dopo aver rimosso i guanti.
  • Dopo la guarigione del paziente, rimanere in quarantena per 14 giorni con auto-monitorano dei sintomi da COVID-19 (es. febbre, tosse).

Gestione dei rifiuti domestici

  • Collocare un dedicato sacco per i rifiuti nella stanza del paziente.
  • Gettare immediatamente i fazzoletti di carta e le mascherine per il viso utilizzati dal paziente nel sacco dei rifiuti che è stato posizionato nella stanza del paziente.
  • Gettare immediatamente guanti e mascherine per il viso usati dal custode e da chi si occupa della pulizia in un secondo sacco, posizionato vicino alla porta della stanza del paziente, al momento dell’uscita dalla stanza.
  • Chiudere i sacchetti per i rifiuti prima di rimuoverli dalla stanza del paziente e sostituirli frequentemente; non procedere mai allo svuotamento degli stessi in altro contenitore.
  • Raccogliere eventualmente i sacchetti per i rifiuti in un sacco per la spazzatura generale pulito; i sacchetti di rifiuti possono essere immessi direttamente nella spazzatura indifferenziata. Nessuna attività di raccolta speciale o altro metodo di smaltimento è necessario.
  • Dopo aver maneggiato i sacchetti per i rifiuti, eseguire una rigorosa igiene delle mani: usare acqua e sapone o disinfettanti a base di alcol per le mani.

Esperti dell’ECDC che hanno predisposto il documento
ECDC Public Health Emergency COVID-19 Gruppo di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC): Agoritsa Baka, Orlando Cenciarelli, Bruno Ciancio, Diamantis Plachouras, Carl Suetens

Riferimenti
1. European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). Coronavirus disease 2019 (COVID-19) pandemic: increased transmission in the EU/EEA and the UK – seventh update 2020. Stockholm: ECDC; 2020. Available from: https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/RRA-seventh-update-Outbreak-of-coronavirus-disease-COVID-19.pdf.
2. European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). COVID-19 [internet]. Stockholm: ECDC; 2020 [cited 2020 27 March]. Available from: https://www.ecdc.europa.eu/en/novel-coronavirus-china.
3. World Health Organisation (WHO). Coronavirus disease (COVID-19) outbreak 2020 [internet]. Geneva: WHO; 2020 [cited 2020 27 March]. Available from: https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019.